Sicurezza alimentare ISO 22000 ISO 22005 BRC,IFS,GLOBAL GAP

ISO 22000

22005 Il consumatore richiede con sempre maggiore evidenza garanzie sulla sicurezza dei prodotti agroalimentari a tutte le organizzazioni della filiera, sia a quelle direttamente coinvolte (dai produttori di mangimi e di alimenti fino ai distributori) sia a quelle near-food (ad es. produttori di packaging e fornitori dei servizi di pulizia).
Il Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare progettato ed implementato secondo la norma ISO 22000 dimostra l’applicazione ed il governo di sistemi, metodi e procedure a garanzia ultima della sicurezza di un alimento.
La ISO 22000 è una norma quadro che integra in un unico standard gli elementi chiave fondamentali per assicurare la sicurezza alimentare, applicando il metodo HACCP (i 7 principi, le 12 tappe), come descritto dal Codex Alimentarius, internazionalmente valido e conosciuto,  in abbinamento alle buone pratiche di fabbricazione (GMP) e alle buone pratiche igieniche, e armonizzando i diversi schemi HACCP basati su norme nazionali differenti (ad es. in Italia la UNI 10854).
Il C.M.S. Srl  dispone di consulenti qualificati in grado di intervenire in tutte le tipologie di aziende dove la norma ISO 22000 è applicabile:

  • Produzioni primaria animale e vegetale
  • Prodotti deperibili di origine animale e vegetale
  • Produzione destinata all’alimentazione animale
  • Prodotti alimentari a lunga conservazione
  •  Ristorazione e Distribuzione
  • Servizi
  • Produzione di attrezzature/utensili
  • Prodotti chimici e biochimici
  • Produzione di imballaggi

ISO 22005

La norma ISO 22005 è uno standard tecnico volontario che va oltre il requisito normativo della rintracciabilità previsto all’art. 18 del Reg. CE 178/02 e che detta alcuni requisiti di natura tecnico-organizzativa per implementare un sistema di rintracciabilità sia all’interno di un’azienda che lungo una filiera. La certificazione  attesta la garanzia e la documentazione della rintracciabilità del prodotto lungo tutte le fasi della sua elaborazione, relativamente a:

  • prodotti e componenti rilevanti
  • organizzazioni coinvolte
  • flussi materiali
  • obiettivi

BRC, IFS, GLOBAL GAP

Le catene distributive europee richiedono ai  fornitori certificazioni di prodotto secondo standard proprietari per coniugare requisiti organizzativi per la gestione della qualità, requisiti igienico-sanitari, requisiti su strutture e ambienti produttivi, e norme comportamentali del personale.
Richieste di questo tipo sono in progressivo aumento come nei settori complementari a quello alimentare: packaging e logistica.

Il C.M.S. Srl  dispone di consulenti qualificati ad operare su tutti i comparti del settore agroalimentare proponendo verifiche integrate tra gli schemi.

BRC – Global Standard for Food Safety e Packaging & Packaging Materials
Sono gli schemi richiesti dalle catene Nord europee.

IFS – Food e Logistic Standard
Sono gli schemi richiesti dalla distribuzione franco-tedesca

Global GAP – Good Agricultural Practice
E’ lo standard rivolto all’agricoltura riguardante l’applicazione di buone pratiche agricole per una agricoltura sostenibile.
Untitled-1

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei normali cookie tecnici. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi